primo Dia a Dia: arrivo in Brasile.

Quello che segue è il primo capitolo dei miei due anni in Brasile. Attraverso il mio dia dia (diario giorno per giorno) racconterò le mie piccole avventure brasiliane durante il servizio civile.
Il servizio civile è uno dei progetti più belli che l’Italia ha. E’ l’opportunità di crescere come esseri umani e quindi come cittadini migliori.
Spero che dopo la mia lunga permanenza qualcosa mi sia rimasto e oggi ho proprio bisogno di ricordarmelo per non perdermi di vista.
Siccome la mia storia coinvolge delle persone reali ho sostituito i loro nomi con altri.
Il nome del mio compagno di avventure è stato sostituito con quello di mio nonno.
Quest’ultimo grandissimo uomo delle mie avventure palermitane che mi ha cresciuta tra ironia e maldestrità.

11 ottobre 2009

Caro Dia Dia,

siamo arrivati a Parigi da Roma, e i controlli e i francesi lenti, non ci hanno permesso di perdere il volo per San Paolo. Primo imprevisto. E lì, come ti raccontavo prima, mi sono sorpresa calma, rispetto al mio compagno di avventura. Ero davvero preoccupata per Angelo e per le sue reazioni. A me non piace la gente che alza la voce, mi rende nervosa. Lì per lì, proposi di fare un giro per Parigi, cosa che l’ha tranquillizzato. Infine, ragionando, tanta era la paura di perdere anche il volo successivo che siamo rimasti 12 ore all’aeroporto. Da lì è iniziata la sfida per il fumo. E’ nata per caso. Mi ritrovo quindi a tenere le sue sigarette. In realtà poco mi importa se una persona fuma o meno. Non è il fumo che non mi piace, ma il concetto in sé. La dipendenza da un oggetto fatto di erbe essiccate, catrame e carta. Non mi piace che la gente abbia delle dipendenze perché le rende non libere.

Quindi abbiamo passato 12 ore provando a dormire in quelle sedie rigide, prendendo in giro i francesi, e conoscendoci. Di certo il dialogo non ci manca. Abbiamo sempre voglia di raccontarci. Spero che ne avremo sempre.

Alla fine, abbiamo preso il volo. Non ci sembrava vero.

 Immagine

12 ottobre 2009

L’alba del primo giorno in Brasile l’abbiamo vista in aereo da un pezzo di finestrino. La frase di Angelo è stata “Città a perdita d’occhio”, ecco questa è Guarulhos dall’alto. Sinceramente da Palermo quando avevo letto del progetto che si sviluppava a Guarulhos, città dell’aeroporto principale dell’America Latina un po’ ingenuamente mi aspettavo un posto tipo Punta Raisi… Ecco il primo scontro con il cambiamento dei propri punti di riferimento. Guarulhos è abitata da 4 milioni di abitanti. 

Dopo il cambio finalmente un volto amico. Infatti c’era la nostra responsabile del progetto, Marta. Da lì l’incontro con Suor Ri., che da subito mi fa troppa simpatia. Una donnona massiccia. Mentre ci portava in macchina osservavo i mille punti che potevano essere di riferimento, ma ci vorrà un po’ per orientarmi.

Ancora non ho visto tanti colori. Cioè forse è la città urbana di Guarulhos che non da spazi ai famosi colori brasiliani. Dopo una dolce accoglienza da parte delle suore è stato bello potersi fare la doccia nella mia nuova casa. Una scuola enorme con un giardino con le palme e alberi di frutti tropicali.

Dopo un pranzo abbondante, siamo crollati nel sonno più profondo. E per sera siamo qui, a scrivere nella stanza comune dove c’è una telenovela su Palermo e il Brasile.

Prima in cucina, una suora si è messa a parlare in brasiliano… e abbiamo capito più o meno il filo del discorso. Forse un giorno io e Angelo parleremo tra noi in brasiliano.

Sono affascinata dalle scatole colorate che le suore stanno preparando per il giorno dei professori. Mi piace che ci sia una festa per quasi ogni cosa. Infatti in questi giorni la scuola è chiusa per una festa nazionale. La festa da criança, cioè la festa che ricorda dell’importanza dei bambini e dei loro diritti all’interno della società. Qui in Brasile è come se si volesse apprezzare ogni cosa e persona che ci circonda. Soffermarsi ogni tanto, e pensare e ringraziare chi ci sta vicino è importante perché non ti fa perdere il senso delle cose. Voglio imparare anch’io un giorno come si fa… corriamo troppo su cose superficiali nel nostro “Primeiro Mundo”.

E la sensazione che ho, è un senso di umanità molto forte dovuta alla sensibilità di queste donne tutto fare. Come mi fa notare il mio compagno di avventure “Donne al servizio di Dio 24h su 24”.

Ora vado. Ci vediamo domani. Domani Sao Paulo.

Buona notte.

Annunci

Un pensiero riguardo “primo Dia a Dia: arrivo in Brasile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...